Filo rosso: un amuleto al polso


Vi sarà capitato di vedere, al polso sinistro di personaggi famosi (da Madonna a Di Caprio, per dirne alcuni), un filo rosso. Ecco, non è l'ultima strana moda del momento, ma un amuleto che ha le sue radici in più tradizioni.

 

Sin dai tempi antichi è stato usato come protezione per attirare energie positive.

Una delle versioni sulla sua origine appartiene ai cabalisti, secondo loro, infatti, la mano sinistra è l'area dove passano tutte le e regie negative che raggiungono la persona ed ecco che il filo rosso servirebbe ad attrarre su di se queste energie e, quindi, a fungere da protezione.

 

In altre tradizioni, il filo rosso al polso sinistro, è simbolo di prosperità, felicità e buone vibrazioni.

 

Personalmente ho: un filo rosso che è stato annodato 7 volte, durante una cerimonia importante insieme a persone con le quali condivido un percorso di crescita e studio; un filo arancio che ha "visto" lo stupa di 

Boudhanath, uno dei luoghi sacri più importanti di Kathmandu e dell'intera comunità buddista; sette fili rossi  intrecciati tra loro, provenienti da un pellegrinaggio sul monte Kaliash, in Tibet, uno dei luoghi più sacri al mondo (questi ultimi due mi sono stati donati, dandomi indicazioni sul come indossarli. E di questi sono estremamente grata).

Sarebbe lecito quindi chiedermi se "funziona". Beh, di cambiamenti dal primo filo in poi ce ne sono stati davvero tanti, soprattutto quelli interiori, di crescita e consapevolezza. Sono in mezzo alla mia personale "tempesta evolutiva" e credo che ancora abbiano tanto lavoro da fare e infatti, nonostante il tempo che passa, sono ancora qui al mio polso, a ricordarmi di avere fiducia, a ricordarmi chi sono...

 

 

Ma tornando a questioni pratiche, vediamo come e quale filo usare :)

 

CHE FILO USARE E COME ANNODARLO

 

Anche questo apparentemente semplice talismano ha le sue regole:

 

  1. deve essere in pura lana o comunque in un filato naturale (cotone, seta o lino)
  2. come già detto, va legato al polso sinistro
  3. dovrebbe essere una persona a voi cara ad annodarvelo
  4. deve essere annodato 7 volte
  5. durante il rituale di legatura, pensare a ciò che si vuole attirare nella propria vita

 

E quando si romperà?? Beh, vorrà dire che ha assorbito sufficiente energia negativa e quindi è un buon segno....non resta che farsene annodare un altro!

 

 

NON SOLO ROSSO

 

Il filo rosso è quello probabilmente più "famoso", ma ogni tradizione utilizza lo stesso amuleto anche in colori diversi, ed ognuno di loro ha un significato particolare; inoltre si dice che, combinare più fili, ne aumenti il potere.

 

  • Rosso: passione, forza, energia positiva, risparmio energetico
  • Scarlatto: amore, passione, relazioni romantiche
  • Bordeaux: sviluppa le capacità di comunicazione
  • Rosa: insieme al filo scarlatto porta amore appassionato, intenso, forte e semplice 
  • Arancione: popolarità, sana ambizione, socialità e armonia
  • Giallo: aiuta il successo delle persone creative
  • Verde: allontana invidia, egoismo, purifica e aiuta a lasciar andare ciò che non serve più
  • Blu: protegge contro paure e ansie
  • Viola: aiuta a sviluppare l'immaginazione e raggiungere i propri obiettivi
  • Bianco: sviluppa saggezza, coraggio e sincerità 
  • Nero: porta pace, armonia e rispetto per gli altri

 

 

Qualunque colore scegliate, l'importante è che mentre vi viene legato al polso, manteniate i vostri pensieri più positivi e puri possibile. Mantenete un atteggiamento di fiducia e iniziate a fare caso alle cose buone che il filo rosso (e non solo!) porterà nella vostra vita :)

 

Seguimi su FACEBOOK INSTAGRAM

 

CIAO! Sono Eleonora e questo è il mio blog

 

So che un giorno ogni Donna riscoprirà il suo Potere Magico, portando gioiosa consapevolezza nella sua vita e nel mondo.